Emozione Paura

La PiazzaEmozione Paura
Luigi pubblicato 7 mesi fa

Parliamo un po’ di paura.
Un mio insegnante diceva che ce la portiamo sempre appresso, è uno zaino pesante che ci blocca e ci impedisce di fare tante cose. Un’immagine che posiziona la paura dietro di noi, che rimanda bene all’idea di avercela addosso. Krishnamurti è quello che più mi piace quando scrive della paura. Dice che quando diventiamo consapevoli che è dentro di noi, che siamo un tutt’uno con essa, allora lo spazio-tempo che ci separa da lei svanisce, e di conseguenza se ne va anche la paura. Lui ha una visione molto profonda della consapevolezza.
È difficile parlare della paura. Quando accade un evento che mi fa paura, e cerco le parole per esprimere quell’emozione, faccio fatica, ci giro intorno per non ammettere che ho proprio paura. Non mi piace aver paura. A chi piace, in fondo? Eppure, al pari di tutte le altre emozioni, fa parte di noi essere umani. Non potrò mai separarmeme. In quei momenti in cui ho paura so che sta accadendo qualcosa di nuovo e di inaspettato: io mi sento dentro come non mai. Faccio così uno sforzo per conoscerla meglio, per stare lì. Mettersi in ascolto delle proprie emozioni è difficile quando ho paura. Se vi sembra che l’abbia messa solo in cattiva luce è perché ho dimenticato di scrivere che la paura mi va vibrare dentro e anche se non mi piace mi ricorda, ogni volta, che sono vivo. Quando si ha paura ci si blocca, si fugge oppure si affronta ciò che l’ha procurata. Dalla paura nascono grandi risvegli. 
E voi, che rapporto avete con la paura?

Condividi Questa Pagina!

Fai per commentare o votare

1 Risposte
Vincenzo Staff risposto 7 mesi fa

Con la paura mi ci risveglio, faccio colazione, ci chiacchiero del più e del meno, ci vado a dormire e la sogno persino. A volte mi è antipatica altre addirittura la devo ringraziare. A volte non so come pare addirittura se ne sia andata via. E allora si, che sento un casino di paura!